LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Giochi di fuoco e streghe volanti invadono Piazza della Repubblica
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 9845 volte  
 
Lamezia Terme - Spettacolare e magica la Festa del Sole sabato sera in Piazza della Repubblica, organizzata da Ruggero Pegna ed offerta dalla Provincia per augurare alla città una buona estate.
Il 21 giugno è il solstizio d'estate, e segna il passaggio dalla stagione primaverile a quella estiva. Per celebrare questo evento Piazza della Repubblica, per la prima volta nella storia della città, è diventata un centro di spettacolo altisonante. Tantissima la folla, tutti in piedi per alzare gli occhi al cielo e godersi un'ora e un quarto di meravigliosi giochi pirotecnici, effetti luminosi, danze acrobatiche, effetti sonori.
Fondamentale il contributo nel cast del sensazionale show della Parente Fireworks, leader mondiale di spettacoli pirotecnici ed effetti speciali. Bravissimi anche gli attori dell'Atmo Theatre, esperti in spettacoli piroteatrali e la Compagnia dei Folli con i numeri della donna volante e della danza del sole e della luna.
La rappresentazione sembra aver voluto racchiudere due aspetti fondamentali dell'esistenza umana: da una parte la forza ed il vigore dell'energia solare espressa in modo incisivo nel corso dello spettacolo, con giochi di luci, danze, fuochi pirotecnici, suoni che davano la netta percezione dell'energia vitale prodotta dalla nostra grande stella, l'altro aspetto è legato alle emozioni suscitate dal percorso che è stato tracciato nel tentativo di cogliere tutti gli aspetti della vita anche i più delicati come si evince dal "Laudato si" di San Francesco, dai commenti sull'amore sofferto ed impossibile tra sole e luna, dalle parole di madre Teresa di Calcutta, dalle danze realizzate in onore del sole.
Questi due aspetti esprimono l'evoluzione della vita umana. Il merito di questa rappresentazione è che in circa un'ora gli organizzatori sono riusciti a trasmettere questa impressione in modo completo lasciando nel numeroso pubblico la sensazione di avere partecipato sicuramente ad un evento unico in città.
Molto commovente l'incontro tra i due astri: sole e luna, rappresentato in contemporanea sia da attori sul palco che da acrobati. Ha spiegato la voce narrante: «Quando il sole e la luna s'incontrarono per la prima volta, s'innamorarono perdutamente e da quel momento cominciarono a vivere un grande amore.». Ed ancora: «Dio decise che il sole avrebbe illuminato il giorno e la luna la notte, obbligandoli senza volerlo, a vivere separati. I due si intristirono e piansero, quando capirono che non si sarebbero più incontrati».
Effetti sonori, luminosi e pirotecnici in una fusione perfetta hanno reso i vari momenti spettacolari.
Sono stati presi in considerazione anche i racconti mitologici delle antiche civiltà come quella egizia. Ra, divinità legata al culto del sole: globo incandescente che varcava il cielo su due barche: quella del giorno e quella della notte. La dea Nut, rappresentativa della volta celeste, la sera l'ingoiava e la mattina lo partoriva.
Ancora di grande effetto altri passaggi: la simulazione della formazione del sistema solare, l'inno alla vita con le parole di Madre Teresa di Calcutta da sfondo, di cui citiamo la parte finale: «La vita è felicità, meritala. La vita è vita, salvala! Il sole è vita.». A seguire per simulare l'arrivo del solstizio d'estate, il cielo si è riempito di luci, musica e magie acrobatiche.
Il passaggio della ruota dell'anno. L'eterna lotta tra il re della quercia ed il re agrifoglio dei miti nordici. Le danze tribali per augurare nella festa del solstizio d'estate la fertilità dei campi. Un auspicio quello della Provincia di augurare una buona estate ai cittadini che è stato molto apprezzato.
Lo show s'è chiuso con quello che negli anni Settanta è diventato il simbolo del "Flower power", la canzone "Let the sunshine in" colonna sonora del musical "Hair", accompagnato da un'apoteosi di giochi di fuoco. Un vero e proprio inno di speranza per la prossima estate. Il tutto irradiato da un impianto da grande concerto di 40 mila watt in quadrifonia ed otto torri che hanno letteralmente "invaso" Piazza della Repubblica.
A conclusione dello spettacolo la presidente dell'amministrazione provinciale Wanda Ferro, che ha promosso l'iniziativa, con emozione ha augurato una buona estate alla città intera.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it | Dora Anna Rocca |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb