LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Acli e Fahrenheit «Grasso ha un nuovo modo di fare cultura»
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 7360 volte  
 
Lamezia Terme - «Il programma di Tano Grasso ci piace». Acli lametino e associazione "Fahrenheit" sono in controtendenza rispetto ad undici sodalizi che nella scorsa settimana avevano attaccato il piano comunale della cultura.
«Non stiamo qui a fare della retorica. A Lamezia la 'ndrangheta c'è», sostengono Acli e Fahrenheit, «e non si combatte solo con una bella manifestazione di piazza. Quello che abbiamo più difficoltà ad ammettere è la cultura mafiosa che accompagna ogni gesto del vivere quotidiano e che è diventata così radicata da passare ormai come "normale". È per questo che riteniamo fondamentale un ritorno all'educazione alla legalità, come unico modo per scardinare la cultura mafiosa e crediamo che l'opportunità offerta dall'assessore comunale alla Cultura Tano Grasso, nei suoi appunti per un progetto culturale della nostra città, possa rappresentare un modo efficace ed innovativo per affrontare il problema».
Pe rgli esponenti delle due associazioni «usare "la cultura per rendere l'uomo etico", proporre momenti d'incontro, libri da leggere, sono modi semplici e diretti per trasmettere un messaggio. A noi il piano piace, perché lascia aperte le porte alla partecipazione di nuove realtà associative che potrebbero portare nuove idee o forse anche solo nuovi modi di proporle».
La Fahrenheit è un'associazione formata di recente e impegnata proprio nella diffusione dell'informazione e nella promozione di opere letterarie legate ai temi della legalità, della giustizia e dell'ambiente. Su posizione analoghe la sezione Acli cittadina, laboratorio culturale e sociale, che sottolinea la novità dell'offerta culturale, che appare oggi aperta a progetti e a criteri meritocratici, indirizzata ad una cultura della legalità diffusa che si radichi sul territorio.
I due sodalizi, pur considerando ingenerose le critiche mosse nei giorni scorsi da alcune associazioni culturali, «auspicano che si apra un confronto sereno e costruttivo nell'ottica di una sicura migliorabilità del Piano».
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb