LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Al vaticanista calabrese Enzo Romeo il premio "Anthurium"
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 6837 volte  
 
Lamezia Terme - «Un calabrese che pur vivendo e lavorando fuori dalla sua regione non ha mai dimenticato le sue origini e che, proprio grazie al suo ruolo di comunicatore, ha contribuito in maniera concreta e propositiva alla valorizzazione della storia, dell'antica tradizione e del profondo sentimento religioso del popolo calabrese». Francesco Ruberto, presidente del Centro studi Anthurium, motiva così l'assegnazione del premio "Calabria nel cuore" al giornalista scrittore Enzo Romeo nato a Siderno 51 anni fa.
La specifica sezione del premio vuole omaggiare infatti, quelle personalità calabresi e non che, con il loro esempio di vita e la loro professione, promuovono il meglio del "made in Calabria" in tutto il mondo. Una promozione prettamente socioculturale che comprende un po' tutti quei settori in cui i calabresi si sono distinti e continuano ad eccellere da un capo all'altro del pianeta. "Calabria nel cuore", vuol essere il riconoscimento dell'ingegno, dell'estro e della creatività dei nostri corregionali che, in Italia e all'estero, danno un apporto significativo alla crescita del villaggio globale.
La cerimonia di consegna dei premi Anthurium è in programma la sera del prossimo 4 dicembre al Teatro Grandinetti. Ad omaggiare Enzo Romeo, oltre ai rappresentanti del Centro studi Anthurium, anche il vescovo diocesano Luigi Cantafora.
Il noto vaticanista ha iniziato la sua attività giornalistica lavorando in diverse radio e tv locali e collaborando a quotidiani e riviste regionali. Dal 1984 è stato per quattro anni redattore del quotidiano "Oggisud", collaborando nello stesso periodo con la sede regionale della Rai.
Nel 1988 è stato chiamato da Nuccio Fava al Tg1, dove ha lavorato al Tg1 Mattina e poi come vicecaporedattore in vari settori. Si è occupato tra l'altro d'informazione religiosa insieme a Vittorio Citterich, Angela Buttiglione e Giuseppe De Carli. Dal 1995 al 1997 è stato caporedattore a Rai International. Nel 1997 si è trasferito al Tg2 come vaticanista e inviato per gli esteri. In queste vesti ha seguito i principali avvenimenti di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Dal 2002 è responsabile della redazione esteri del Tg2.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb