LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Un nuovo progetto culturale per i giovani
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 6163 volte  
 
Lamezia Terme - La parola chiave per l'assessore comunale alla Cultura Tano Grasso č "laboratorio". Č il punto di partenza di un cammino ricco d'interventi e azioni mirate, tutte dirette a innescare un processo articolato e complesso partendo dalla conoscenza, dal sapere, dalla cultura per trasformarsi in un'azione di consapevolezza sociale.
Č quello cui tende il primo dei progetti messi in campo dall'amministrazione comunale attraverso l'assessorato alla Cultura che era stato indicato da Tano Grasso in una ipotesi progettuale per una risposta di cultura declinata e coniugata con il territorio.
Grasso, secondo quanto preannunciato con il suo programma, vuole fare della cittą un luogo culturalmente attraente con proposte valide e avvincenti, in linea con le istanze che provengono dagli attori del settore locali e dal territorio.
Si parte con il progetto laboratorio teatrale a cura del Teatro delle Albe di Ravenna e Punta Corsara di Scampģa, deliberato dalla giunta comunale e per il quale sono stati impegnati 65 mila euro.
A presentare il progetto ieri insieme al sindaco e all'assessore Grasso c'erano Marco Martinelli regista, drammaturgo e direttore artistico del teatro ravennate, personaggio illustre e autorevole nel panorama teatrale italiano ed estero, ed Emanuele Valenti direttore artistico di Punta Corsara, l'esperienza di laboratorio teatrale sperimentato a Scampģa insieme a Martinelli e a un gruppo di operatori culturali locali.
Un'esperienza che ha mutuato quanto realizzato da Martinelli a Ravenna, ma che č riuscita, vista la diversitą del contesto sociale, ad andare oltre e a realizzare proprio nel quartiere napoletano popolare di Scampģa un'operazione teatrale che s'impone oggi nella rete dei teatri nazionali.
«Č quello che intendiamo realizzare a Lamezia - ha sottolineato l'assessore Grasso - innescando tra i ragazzi delle scuole l'interesse verso un modo nuovo di approcciarsi al teatro. Non solo, ma anche offrire l'opportunitą ai gruppi teatrali cittadini che da anni svolgono un'attivitą culturale di grande impatto sociale». In questa direzione c'č stato un apposito incontro tra Marco Martinelli, Emanuele Valenti e gli operatori culturali locali del teatro.
«Un incontro importante - hanno affermato Martinelli e Valenti - per avviare un primo confronto su come procedere, anche perchč da questi gruppi teatrali mutueremo ogni utile informazione e i suggerimenti necessari per realizzare anche a Lamezia un'esperienza ormai rodata a Ravenna dal lontano 1991 e a Scampģa dal 2005». Due esperienze che rappresentano un brillante esempio di educazione teatrale e culturale oltre che un valido percorso sociale.
Alcuni dei gruppi teatrali hanno seguito l'incontro di ieri e si sono detti interessati a portare avanti un progetto che rappresenta «una boccata di ossigeno per la nostra realtą». A partire dal prossimo 6 gennaio Martinelli e tutto il gruppo girerą nelle scuole per spiegare ai ragazzi il progetto e per avere anche l'adesione libera dei giovani. La sede del laboratorio sarą Palazzo Panariti di recente ristrutturato. Un intero piano sarą destinato a questo progetto mentre si sta programmando di destinare gli altri piani a nuove attivitą.
Uno dei progetti futuri č il laboratorio della scrittura che sarą presentato ufficialmente il prossimo gennaio. Mentre la prima verifica del laboratorio teatrale č stata fissata dall'assessore nel prossimo giugno: «Si capirą, raccolti i dati necessari, se l'operazione potrą avere successo e potrą proseguire secondo un programma triennale».
Su un altro fronte, il capogruppo del Pdl Raffaele Mazzei, interviene per sottolineare che «ritiene doveroso stigmatizzare che l'operato dell'assessore Grasso penalizza l'associazionismo lametino preferendo compagnie teatrali di Ravenna e d Napoli. L'associazionismo lametino», afferma l'esponente dell'opposizione in consiglio comunale, «conta su talenti e professionalitą artistiche che questa amministrazione non tiene nella dovuta considerazione anzi penalizza, offrendo opportunitą e risorse ad operatori culturali d'oltre Lamezia».
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it | Sarah incamicia |Archivio Notizie dalla Cittą
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb