LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Noa canterà l'8 marzo per le donne di Catanzaro
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 4768 volte  
 
CATANZARO - Un evento per dare voce alle donne che, vittime dei loro più intimi dolori, non hanno la forza di parlare e non si sono mai sentite protagoniste di un particolare giorno. Il loro giorno. L'8 marzo.
Ma a volte basta una sola voce per dare un anelito di speranza a chi, magari per rassegnazione, l'ha persa. E quella voce, icona del pacifismo mondiale, sarà a Catanzaro proprio l'8 marzo in prima assoluta mondiale con il suo ultimo album "Noapolis". Stiamo parlando della cantante Noa, scelta dal presidente della provincia Wanda Ferro per una causa di alto valore umano; aiutare in particolare quelle donne che si trovano ad affrontare molto spesso da sole, una gravidanza difficile.
Va da sé che nella scelta di ricordare così l'8 Marzo un peso particolare va attribuito alla particolare sensibilità di una donna che si trova a guidare, da presidente, una Istituzione importante quale la Provincia.
La cantante israeliana si esibirà alle ore 21 di giorno 8 marzo nella cornice del Teatro Politeama, con il suo "Noa Sing Napoli". L'ingresso costerà soli 2,50 euro e l'incasso sarà devoluto all'associazione "Centro Aiuto alla Vita", che si occupa di sostenere le donne in gravidanza e alle prese con maternità difficili. Un piccolo sassolino in un oceano lanciato in favore di associazioni spesso invisibili.
Il concerto è organizzato dalla Show Net di Ruggero Pegna che porta nella città capoluogo la cantante con i suoi fedeli musicisti: il chitarrista Gil Dor e i Solis String Quartet. La prevendita dei biglietti partirà alle ore 10 del 25 febbraio a Bar Mignon, fino a esaurimento dei 1200 posti con diritto di precedenza per le donne che aderiscono al "Centro Aiuto alla Vita" e per le dipendenti della Provincia.
Il progetto nella sua interezza si chiama "Civiltà donna" ed è stato presentato nella sala consiliare di Palazzo di Vetro alla presenza del presidente Wanda Ferro, dell'assessore alle politiche sociali Sergio Polisicchio, del vicepresidente del Comitato Pari opportunità Luciana Tallini e di esponenti dell'associazione "Centro Aiuto alla Vita" alla quale come dicevamo saranno devoluti gli incassi dell'evento. L'incontro è stato moderato dalla giornalista Giusy Armone.
«Si tratta – ha detto la Tallini – di una manifestazione che rappresenta un simbolo di impegno di tutto il comitato per le Pari Opportunità della provincia contro la segregazione di genere, un simbolo di emancipazione e un punto di riscatto per tutte le donne che con eroismo affrontano le difficoltà della vita».
Per l'assessore Polisicchio si tratta di «una manifestazione in perfetta simbiosi con le problematiche sociali. Questo evento musicale ci aiuterà a riflettere sul di una problematica importante affrontata da un'associazione che in città sta facendo davvero tanto».
Il "Centro Aiuto alla Vita" opera in difesa della vita umana nascente ed è un'associazione che in Italia ha aiutato in gravidanza e maternità difficile circa 130mila donne nell'ultimo anno. «Questo evento – ha detto il vice presidente Manuel Massari – rappresenta per noi una cassa di risonanza importante. Faremo parlare di noi, dando voce non solo alle mamme ma anche ai bambini».
«Un modo questo – ha aggiunto la ginecologa Felicetta Beatrice – per dar voce alle donne che stanno in silenzio, che non hanno voce».
Dopo sentite parole di stima e ringraziamento per il presidente Ferro, la Felicetta ha detto che «questa iniziativa sarà la pietra miliare per la festa delle donne».
A concludere i lavori un presidente della Provincia con una voce che, nonostante la febbre, emetteva entusiasmo ed orgoglio per un progetto come "Civiltà è donna": «Festeggeremo la sacralità della vita attraverso corde vocali baciate dal divino – ha detto la Ferro – celebrando un mondo dove non esistono parti o divisioni, dove si possono concretizzare valori comuni che vanno a contaminare le nuove generazioni. Un inno alla vita per le nuove vite che devono nascere che sono i figli di tutti, anche di chi non li ha».
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb