LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Aree verdi degradate a Magolà: polemica tra il Pdl e Giusi Crimi
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 4792 volte  
 
Lamezia Terme - «Dobbiamo denunciare lo stato di abbandono delle aree verdi pubbliche in località Magolà, come risulta da fotografie effettuate durante un sopralluogo avvenuto qualche settimana fa: tali aree risultano in uno stato di assoluto abbandono nonostante l'associazione Aspilos Magolà concessionaria delle stesse si sia impegnata, come risulta nell'articolo 3 Foglio Patti e condizioni sottoscritto il 13.10.2008, alla manutenzione ordinaria delle stesse». La denuncia arriva dal capogruppo del Pdl Raffaele Mazzei, per nome e per conto del gruppo consiliare (ad eccezione della consigliera Carolina Caruso), che evidenzia inoltre come sulle aree concesse «non risulta realizzata alcuna opera, a eccezione di una sulla quale risultano posizionate due porte (vecchie e senza reti) per la pratica dell' attività sportiva del gioco del calcio».
All'associazione Aspilos, afferma Mazzei, «con determina n. 1864 del 2.12.2008 è stata liquidata la somma di mille euro a titolo di anticipazione per eseguire le opere di manutenzione; il 4.9.2010 con provvedimento n. 617 è stata inoltre liquidata la somma di 10.000 euro per l'acquisto di attrezzature necessarie per la rasatura del prato e di una casetta in legno quale punto di riferimento dell'associazione Aspilo e per il ricovero degli attrezzi; con proposta di atto di liquidazione del dirigente responsabile del settore n. 37 del 21.1.2011 in fase di approvazione, si procederà alla liquidazione di 5.000 euro per la costruzione di una piattaforma in cemento di base del gazebo in legno a uso dell'associazione Aspilos».
A tal proposito, prosegue Mazzei, «si è rilevato che, anche se nell'articolo 6 del foglio di Patti e condizioni sottoscritto in data 13.10.2008 si prevede il rimborso spese relativo a opere già eseguite, a tutt' oggi non risulta eseguita alcuna opera di quelle previste (tranne una piattaforma in cemento non congrua rispetto agli impegni) e di cui alle determinazioni dirigenziali di liquidazione suddette. Si comunica inoltre che il presidente dell'associazione è Giusy Crimi assessore comunale (notizia smentita però dall'assessore Crimi, ndr). Tali comportamenti amministrativi creano un precedente grave così che anche le altre associazioni potranno da questo momento in poi chiedere finanziamenti per creare una sede sociale. Infatti appare imparziale che le altre associazioni devono pagare canoni di locazioni per avere una sede quando l'associazione Aspilos puo' goderne perché viene costruita a spese dei cittadini».
Netta la smentita dall'assessore Crimi in merito alla sua presunta presidenza dell'associazione. «Il consigliere Mazzei non dice il vero – afferma Crimi – è falsa l'affermazione che io sia contemporaneamente presidente dell'associazione Aspilos e assessore: la funzione di presidente è svolta da Vincenzo Dattilo. Il consigliere Mazzei evidenzia di non conoscere alcuna delle attività poste in essere dall'associazione sul territorio di Magolà: l'associazione Aspilos è un'associazione di volontariato che ha ricevuto dei contributi dal Comune, dietro regolare rendicontazione, per acquistare strumenti per la manutenzione delle aree e un gazebo il legno che sarà posizionato dopo l'autorizzazione del Genio civile e che ha iniziato ad allestire, un'area sulla quale a breve ci sarà un parco pubblico. L'associazione sin dal 2008 ha animato il quartiere organizzando manifestazioni di cui hanno fruito sia i residenti che i tanti cittadini accorsi a Magolà e si è fatta portavoce delle numerose istanze del quartiere. È del tutto evidente che tutelerò la mia dignità in tutti i modi e in tutte le sedi consentite».
A sostegno dell'assessore Crimi è intervenuto anche l'attuale presidente dell'associazione Aspilos. «L'associazione – spiega Dattilo – dal 2008 è nata con l'unica finalità di stimolare il senso di comunità e di appartenenza a un territorio che per troppo tempo è stato dimenticato dagli amministratori locali e ricordato solo in periodi di elezioni quando si è promesso di tutto. L'avv. Crimi non è più il presidente dell'associazione ha inteso farsi sostituire subito dopo la sua nomina ad assessore. L'associazione ha con il Comune, fin dal 2008, una convenzione che tra l'altro prevede la manutenzione ordinaria di alcune aree verdi di Magolà, convenzione che il Comune non solo stipula con altre associazioni ma anche con persone che vogliono collaborare con il solo scopo di migliorare la qualità della vita dei nostri territori. La stessa pur incontrando innumerevoli difficoltà per l'estensione delle aree e per la loro morfologia, ha effettuato la manutenzione delle aree, manutenzione che non esclude quella straordinaria che è sempre in capo al Comune; ha realizzato una piattaforma di cemento per la quale ha richiesto un contributo non ancora erogato e che serve a posizionare la casetta di legno che diverrà la prima presenza di struttura pubblica sul territorio di Magolà».
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb