LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Ricordo di Eugenio Nigro, quel ragazzo morto tra le fiamme
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 4598 volte  
 
Lamezia Terme - «Eugenio Nigro era tornato da Pisa per una licenza - premio, quando a Lappano c’ era stata la prima avvisaglia di un incendio. Io e la polizia municipale siamo andati sul posto per renderci conto di quanto stava accadendo: sembrava tutto così semplice da non esserci nemmeno bisogno di intervenire. Poi si è sollevato un forte vento che ha causato ciò che è successo. Questo splendido ragazzo, che era con noi, col suo coraggio e con il suo ardore giovanile si è lanciato ed è rimasto lì. Aveva solo 21 anni». È il sindaco di Lappano, Lorenzo Romilio Iusi, che ha ricordato il Caporale della Folgore Eugenio Nigro che il 6 agosto 2007 ha perso la vita mentre si prodigava con slancio e determinazione ad arginare le fiamme che minacciavano la sua casa e alcune abitazioni. Il Liceo Campanella di Lamezia Terme gli ha voluto rendere omaggio con una targa consegnata alla sua famiglia (il padre Salvatore, la madre e la sorella ) dalla parlamentare Doris Lo Moro nel corso di una cerimonia svoltasi all’ Auditorium dell’ istituto. Il riconoscimento è avvenuto in concomitanza della premiazione degli studenti del Campanella che hanno realizzato un video sugli incendi con il quale si sono aggiudicati una Menzione d’ onore al concorso “ Immagini per la terra”, promosso dall’ Organizzazione Green Cross, presieduta in Italia da Rita Levi Montalcini, dall’ associazione internazionale Mokael Gorbaciov e patrocinato dal Presidente della Repubblica. Il video, premiato come il migliore d’ Italia , insieme a quello prodotto da un’ altra scuola, è intitolato “In …fumo” e riguarda un’ inchiesta sugli incendi in Calabria per la quale gli studenti si sono avvalsi della collaborazione del giornalista Andrea Musumeci e di filmati del repertorio di Rai3. Gli studenti sono stati seguiti dal regista Francesco Pileggi e dalle docenti Saveria Sesto e Michela Cimmino, che sono state pure premiate per l’ impegno profuso in questo lavoro straordinario. A consegnare il Premio agli studenti, presenti in sala, è stato il presidente del Parco Nazionale del Pollino Domenico Zappaterra, il quale ha apprezzato molto il video promettendo di farlo circolare nelle scuole del Parco e in tutto il territorio nazionale perché rappresenta «per tutti una lezione positiva di educazione ambientale, di prevenzione e lotta agli incendi partita da Lamezia». Anche Zappaterra ha sostenuto questa lotta dopo l’ incendio del 2007, scoppiato nel Pollino, che distrusse circa 3300 ettari di superficie. D’ allora, nonostante « i Parchi abbiano soltanto il compito di coordinamento, - ha dichiarato Zappaterra - noi abbiamo abbattuto gli incendi di quasi il 96%» dispiegando « ogni anno su tutto il territorio circa 300 volontari di 18 associazioni di protezione civile in cambio di quasi niente: un rimborso spese e una premialità che è rapportata ai danni che non si realizzano nei territori che vengono loro assegnati. La nostra pratica di fronte agli incendi boschivi - ha proseguito - è stata giudicata in Italia la migliore in assoluto di tutte le aree protette italiane». In segno di approvazione di questo incontro, condotto dalla studentessa Luana Talarico e animato da un intermezzo musicale eseguito dagli studenti Maria Arcieri Longo e Salvatore Perri, sono intervenuti il vice preside Pasquale Arbia e l’ assessore alla Attività produttive Giusy Crimi in rappresentanza dell’ amministrazione comunale.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Lina Latelli Nucifero |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb