LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Spazi verdi degradati e abbandonati nel centro città
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 3979 volte  
 
Lamezia Terme - «Ancora una volta siamo costretti a fotografare le pessime condizioni in cui versa la nostra città: meno di un anno di fa ci eravamo occupati dei grandi parchi cittadini, non fruibili o chiusi, e comunque assai pericolosi, in disarmo, mal curati e mal gestiti. Da allora nessuna risposta alle nostre sollecitazioni, anzi un ulteriore inesorabile lento peggioramento». È quanto afferma il responsabile cittadino dell'Udc Giovani Daniela Butera che aggiunge: «Quando una città non riesce a offrire quantomeno i minimi standard qualitativi ai bambini, agli anziani e ai diversamente abili, occorre fermarsi e riflettere anche solo un attimo per chiedersi: è possibile rimanere impassibili dinanzi a tutto ciò? La nostra risposta è: assolutamente no. Le fotografie scattate (riportare qui accanto) non si riferiscono a zone periferiche della città (quelle sono già in perenne stato di abbandono) ma riguardano punti centrali, nevralgici e storici della città. Esse riproducono lo stato in cui versano, da tempo, zone come la villetta comunale dietro l'ex commissariato (a ridosso di Corso Numistrano), il Ponte di Sant'Antonio, il parco giochi vicino Palazzo Blasco, le fontane di Corso Nicotera, Piazza Mercato Vecchio, salita Fratelli Maruca».
«Non si tratta di offrire un minimo decoro estetico ai singoli quartieri – prosegue l'esponente dell'Udc – si tratta anche di luoghi di svago e di aggregazione dove, grazie all'incuria, al degrado, al lassismo e alla mancata ordinaria manutenzione, oggi la fanno da padrone i vandali, le zecche, la sporcizia e il degrado. Spazi nati per offrire svago e ristoro, oggi si sono trasformati in posti insicuri da cui stare alla larga. Chi può si sposta con la macchina altrove (ammesso che vi siano spazi verdi ben curati), ma chi non può cosa fa? Una città che non riesce a prendersi cura dei suoi bimbi e dei suoi pensionati, non offrendogli neanche un piccolo luogo di svago e divertimento, non può definirsi né progredita né civile».
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb