LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Impastato ricordato dagli studenti del De Fazio
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 3092 volte  
 
Lamezia Terme - «Ricordare il coraggio e l'impegno antimafia di Peppino Impastato con il film di Marco Tullio Giordana "I cento passi" è quanto di più significativo si possa fare. Anch'io oggi sulla mia bacheca di Facebook ho condiviso il video di uno spezzone della pellicola. In particolare mi sono soffermato sulla scena in cui Peppino parla della "bellezza" e lancia un messaggio ancora oggi molto attuale». Così il sindaco Gianni Speranza ha ricordato Peppino Impastato, il politico e conduttore radiofonico palermitano ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978.
Speranza ha partecipato questa mattina all'iniziativa pubblica in ricordo di Impastato a 33 anni dalla sua tragica scomparsa, organizzata all'Istituto tecnico commerciale "De Fazio" dal coordinamento lametino del movimento "Ammazzateci Tutti".
C'è un brano del film che il sindaco ha voluto rileggere agli studenti: «Sai cosa penso? Che questo aeroporto in fondo non è brutto, anzi, visto così dall'alto. Uno sale qua sopra e potrebbe anche pensare che la natura vince sempre, che è ancora più forte dell'uomo, e invece non è così. In fondo tutte le cose anche le peggiori una volta fatte poi si trovano una logica, una giustificazione per il solo fatto di esistere. Fanno ste case schifose con le finestre in alluminio, i muri di mattoni, i balconcini, la gente ci va ad abitare e ci mette le tendine, i gerani, la televisione... dopo un po' tutto fa parte del paesaggio. Cioè esiste, nessuno si ricorda più di com'era prima. Non ci vuole niente a distruggere la bellezza". "Ho capito e allora?". "E allora invece della lotta politica, la coscienza di classe, tutte le manifestazioni e ste fesserie, bisognerebbe ricordare alla gente cos'è la bellezza, aiutare a riconoscerla a difenderla».
Peppino Impastato nacque a Cinisi, a pochi chilometri da Palermo, da una famiglia mafiosa. Il cognato di suo padre era il boss del paese ucciso quando Impastato aveva vent'anni. Da qui la rottura tra padre e figlio.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb