LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Posto sotto sequestro un fabbricato abusivo
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 2272 volte  
 
Lamezia Terme - Un altro manufatto costruito abusivamente č stato posto sotto sequestro dalla procura della repubblica lametina. Infatti, dopo quello di cinque immobili eseguito nei giorni scorsi da parte degli uomini dell'Arma di Sant'Eufemia sempre in esecuzione ad un provvedimento messo dalla procura, ieri mattina hanno proceduto a mettere i sigilli ad un altro fabbricato.
Secondo la magistratura inquirente č stato realizzato abusivamente senza un progetto redatto da un professionista, in assenza del permesso di costruzione e in un'area di interesse archeologico e sottoposta a vincolo paesaggistico. Nel decreto di sequestro viene fatto rilevare, inoltre, che l'opera, realizzata in localitā Cafarone, del quartiere di Sant'Eufemia, č stata realizzata su un terreno d'interesse archeologico e sottoposto a vincolo paesaggistico. L'immobile considerato abusivo e realizzato su due livelli, con il piano terra finito esternamente e con il piano superiore ancora da ultimare, č di proprietā di Domenico Iannazzo, di 52 anni, ritenuto dagli investigatori componente dell'omonima cosca della 'ndrangheta. Il sequestro preventivo, č scritto nel provvedimento, presenta connotati individuanti che lo inseriscono, nell'ambito processuale, negli istituti intesi ad evitare la possibilitā di un evento antigiuridico e che, specie, in materia di reati edili i quali hanno per oggetto giuridico l'assetto complessivo del territorio, con finalitā di salvaguardarlo in tutti i suoi aspetti, comportando l'esigenza di predisporre tecniche di tutela cosiddetta "anticipata" in considerazione della delicatezza e rilevanza del bene giuridico da proteggere.
I cinque i reati che vengono contestati a Iannazzo, non solo quello di avere iniziato l'opera senza le prescritte autorizzazioni, ma anche quello di non essersi avvalso di un esperto in materia edilizia. Č l'ennesimo provvedimento di sequestro preventivo che il procuratore della Repubblica lametina, Salvatore Vitello, firma e che si inserisce in una strategia operativa che da tempo attua sul territorio, al fine di porre un argine agli illeciti urbanistici che si registrato sul territorio lametino.
Un provvedimento di urgenza che č stato emesso dal procuratore perché a giudizio del magistrato inquirente sussiste, sulla base della situazione accertata, il pericolo della ultimazione dei lavori avviati abusivamente.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it | Giuseppe Natrella |Archivio Notizie dalla Cittā
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb