LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Questa città rimane immobile perchè il sindaco andrà a Roma
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 2284 volte  
 
Lamezia Terme - «Il sindaco quando annuncerà ufficialmente alla città la sua candidatura alla Camera per Sinistra ecologia e libertà? Crediamo che questo suo immobilismo sia dovuto al desiderio di arrivare a quell'appuntamento nella maniera più silente possibile, in modo che i problemi annosi passino alla prossima amministrazione. Intanto il tempo a Lamezia trascorre inesorabile senza che nulla cambi». Lo sostiene il direttivo cittadino della Federazione dei cristiano-popolari, forza d'opposizione che alle comunali era schierata col centrodestra.
Per i cristiano-popolari «crescono le occasioni perse dal sindaco e dalla sua amministrazione. Non è più il tempo del vittimismo; mentre Lamezia si piange addosso colpevolizzando sempre altri dei propri insuccessi, altre realtà promuovono il loro territorio e lavorano per esso, vedono realizzato ciò che chiedono in virtù del fatto di avere l'umiltà di sedersi e discutere anche con l'avversario politico pur di ottenere il risultato».
Per la minoranza c'è «una situazione di profondo stallo in città, essendo sotto gli occhi di tutti i l'immobilismo dell'amministrazione comunale, e la totale incapacità di indicare verso quale direzione intende volgere i futuri interessi, visto la totale inerzia di questo primo anno e mezzo di seconda gestione Speranza, periodo in cui non solo la stessa ha navigato a vista, senza uno specifico programma, quanto prosegue a navigare in un mare agitato di polemiche interne alla maggioranza stessa, impotente di fronte alle richieste della cittadinanza, continuando a sprecare occasioni per il rilancio della città».
I problemi secondo i cristiano-popolari. Rifiuti: dopo averli accolti da ogni parte adesso la cittadinanza paga le conseguenze di una fallimentare gestione della Multiservizi. Rom: dopo gli annunci in campagna elettorale poco e male, o niente è stato finora realizzato, ora s'invocano aiuti esterni perché non si riescono a giustificare i propri fallimenti, a dare contezza dei fondi che erano destinati a questo problema.
Poi viene segnalato un record di promesse mai realizzate: Provincia, Università, Sir, metropolitana di superficie, Biofata, centro di produzione Rai.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb