LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Speranza apre al Terzo Polo
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 2665 volte  
 
Lamezia Terme - «La Regione sui rifiuti ha città di serie A privilegiate e di serie B che fanno la fila»
«Nel confronto della maggioranza proporrò di aprire un dialogo finalizzato all'intesa con il Terzo Polo. Ecco perchè non ho ancora nominato il rappresentante nella Sacal». Gianni Speranza scrive così agli esponenti della maggioranza, ma anche a quelli dell'opposizione in consiglio comunale.
Lo fa in una lettera aperta in cui ricorda alcune delle priorità delle prossime settimane. Scrive: «Credo debba essere affrontato per quello che è il tema della coesione e dell'unità della maggioranza. Come avete visto il centrodestra ha continuato nella sua logica di occupazione degli enti confermando alla Sacal il senatore Vincenzo Speziali». E spiega la scelta dell'amministrazione municipale: «Non abbiamo partecipato alla riunione del consiglio d'amministrazione, né nominato ancora il nostro rappresentante, sia per manifestare il nostro dissenso con il metodo fin qui seguito dalla Regione, ma soprattutto per l'incompatibilità di Speziali. Ritengo che la questione della rappresentanza del Comune nella Sacal debba essere affrontato politicamente e positivamente da tutto il centrosinistra».
Terzo Polo. L'apertura al Terzo Polo a questo punto diventa il tema portante dei prossimi appuntamenti politici estivi ed autunnali. Terzo Polo in città significa l'Udc di Franco Talarico, presidente del consiglio regionale ma anche segretario del partito calabrese, e Francesco Grandinetti consigliere comunale e vicesegretario regionale di Fli, il partito di Fini che sta accusando defezioni in parlamento.
Se si considera che Speranza è un autorevole esponente di Sel in Calabria, candidabile alle prossime elezioni politiche, s'intuisce che il rapporto col Terzo Polo non troverà grossi ostacoli, se non nella sinistra più oltranzista.
Scrive ancora il sindaco nella sua lettera: «L'approvazione del bilancio preventivo e del consuntivo, la sostanziale tenuta e coesione della maggioranza, nonché l'essere riusciti a far fronte negli ultimi mesi a scadenze ed emergenze difficili, oltre ad essere un grande motivo di orgoglio e soddisfazione per tutti noi, impone la necessità di un momento di verifica e riflessione nonché una comune definizione delle priorità dei prossimi mesi».
Scordovillo. «Come tutti sapete», prosegue il primo cittadino, «continuiamo a far fronte all'emergenza determinata dall'ordinanza di sgombero del campo rom ed il prossimo 26 luglio, alla presenza del prefetto Antonio Reppucci, ci sarà un altro delicato momento di confronto in consiglio comunale. Non c'è dubbio che mentre stiamo faticosamente continuando a fare la nostra parte, né la Regione né il Governo hanno ancora dato risposte concrete alle richieste formulate dal consiglio comunale all'unanimità: non è stata dichiarata l'emergenza e non è stato nominato il commissario straordinario, non sono stati messi a disposizione i fondi possibili per i rom».
Spazzatura. «Sui rifiuti si arriva addirittura ad un trattamento diverso delle amministrazioni», denuncia Speranza, «per cui ad alcune viene consentito il conferimento della loro raccolta senza passare da impianti di pretrattamento, e ad altri come noi viene addirittura imposta "la fila" costringendoci a sostare con i mezzi carichi di rifiuti per giorni, prima di poterli conferire ed impedendoci la regolare raccolta per la strada. Sono veramente preoccupato che possano portarci ad un'emergenza di tipo napoletano».
Papa.«Ricordo a tutti», conclude Speranza, «che il 9 ottobre, data della storica visita del Santo Padre, è ormai alle porte e occorre lavorare perché la città sia pronta nel migliore dei modi nel reggere la prova».
Fuoco amico. «È ormai pubblico e ripetuto il comportamento ostile del consigliere Bruno Tropea nei confronti della maggioranza e dell'amministrazione, addirittura offensivo nei miei confronti tanto da tradire il mandato ricevuto dagli elettori. Questo problema riguarda tutte le forze politiche».
L'appello finale: «Ecco perché vi chiedo d'incontrarci presto per preparare al meglio le prossime scadenze e per decidere insieme come affrontare i mesi che ci stanno di fronte».
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb