LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Il campione Claudio Gullo costretto alla resa
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 3182 volte  
 
Lamezia Terme - Fine settimana particolarmente sfortunato per il pilota lametino Claudio Gullo, impegnato sabato e domenica scorsi ad Adria (Rovigo) nella quarta prova del campionato formula Promotion Racing Free (trofeo Predators). Il campione calabrese è stata costretto alla resa da due imprevisti su una pista in cui, lo scorso fine mese, era riuscito a stabilire il record del circuito.
In gara la dea bendata ha completamente girato le spalle a Gullo. Dopo solo 4 giri, in piena velocità, a causa delle altissime temperature (sull'asfalto c'erano 62°) la vaschetta dell'acqua ha cominciato a perdere ed il liquido, entrando nell'abitacolo, ha colpito il pilota al collo ed alla spalla. Soccorso immediatamente, al pilota sono state diagnosticate scottature che non hanno impedito a Gullo di riscendere in pista. Ma la vettura ha dato forfait una seconda volta per un difetto tecnico.
Alla kermesse Gullo era stato invitato per testare la versione vecchia e nuova della Factory, la casa costruttrice di Reggio Emilia di proprietà di Corrado Cusi. Che in mancanza di una monoposto utile per la competizione ha girato il pilota in prestito alla Flamax Team, che ha messo a disposizione una più datata e lenta pc008. «È stato un week-end sfortunato – ha detto Gullo – la mia auto non voleva saperne di andare, nonostante la buona volontà dei tecnici che hanno subito provveduto a lavorare al meglio per sistemare la monoposto. Un vero peccato perché quando tutto è a posto questo tipo di auto risulta davvero divertente da guidare. Pazienza, le gare sono anche questo, avremo giorni migliori. Ringrazio comunque Corrado Cusi, Domenico Parrotta del Flamax Team, e tutti i ragazzi del team per l'impegno dimostratomi». Sul medesimo tracciato lo scorso 29 giugno, in occasione dei test "collettivi", Gullo era risultato il più veloce. «Siamo dispiaciuti – hanno detto i responsabili Factory – che proprio l'auto di Claudio abbia avuto questi innumerevoli inconvenienti. Sappiamo quanto Gullo è forte, tant'è che il tempo cronometrato stabilito ad Adria durante i test collettivi non è stato migliorato in gara ufficiale. Siamo una piccola realtà, con budget risicati, ma faremo di tutto per poterlo mettere di nuovo nelle nostre auto, perché il ragazzo merita».(a.p.)
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb