LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Esplosione alla Econet, tutti salvi
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 3549 volte  
 
Lamezia Terme - Hanno avuto solo un centinaio di secondi per scappare via dall'inferno, ma ce l'hanno fatta tutti. Quando ha cominciato a suonare la sirena dell'allarme antincendio c'è stato un momento di panico, ognuno correva fuori come poteva mentre le prime fiamme s'erano sparse nel capannone. Poi lo scoppio potente. Era circa mezzogiorno.
«Abbiamo sentito la terra tremare sotto i nostri piedi», dice un addetto con lo sguardo perso nel vuoto, ormai fuori dalla recinzione della Econet. Visibilmente sotto choc.
Due esplosioni, la seconda violentissima. Ma erano già tutti fuori, con le loro polo grigie aziendali. Perchè la Econet che smaltisce rifiuti industriali è una di quelle imprese che funzionano in mezzo a tante altre che sono soltanto scatole vuote. L'area industriale lametina è piena di fantasmi. Ma il gruppo Ecosistem dà lavoro a oltre un centinaio di addetti e si occupa della lavorazione di rifiuti speciali da tempo. Con competenza. Badando alla sicurezza di chi lavora.
L'allarme ha salvato la vita ad una decina di addetti che ieri mattina erano in fabbrica. Le fiamme sono divampate in un deposito di scorie petrolifere, materiali facilmente infiammabili. Non è stato accertato ancora perchè è divampato il fuoco. Di sicuro è scoppiato l'intero lato destro dell'azienda, incrinando una parete del grande capannone da 8 mila metri quadrati. Nonostante l'esplosione la struttura ha resistito. Anche questa "made in Lamezia".
Perchè nell'area ex Sir un distrettuale industriale esiste di fatto. Gli amministratori locali finora attenti quasi esclusivamente a salvaguardare le poltrone, di destra e di sinistra, non sono riusciti a creare quello che invece hanno realizzato gli imprenditori, spesso lasciati soli. Così la Econet s'è fatta costruire il prefabbricato dalla vicina Gecoprem . E ieri sul posto dell'incendio c'erano i titolari dell'una e l'altra azienda che si consultavano, da vecchi amici, per contenere i danni.
Rocco Aversa, uno dei proprietari del Gruppo Ecosistem, mentre i vigili del fuoco spegnevano l'incendio, è un capitano d'azienda combattivo: «Non so esattamente perchè sia successo, ma la cosa più importante è che tutti i lavoratori sono in salvo. I danni alla struttura ed ai macchinari sono notevoli, ma voglio assicurare tutti i dipendenti che in 23 anni d'attività non abbiamo mai cacciato via nessuno, cercheremo di ripartire subito».
Antonio La Gamba, responsabile della Gecoprem, un'azienda di prefabbricati in cemento a poche centinaia di metri dallo scoppio che ha costruito il capannone incendiato: «La Econet è una delle poche aziende serie di quest'area, portata avanti da imprenditori perbene. Spero che quanto è accaduto non blocchi quest'area in cui lavoriamo con un sistema che ci penalizza molto».
Il vento era sostenuto sotto le ciminiere abbandonate della Sir. La Statale 18 tirrenica è stata chiusa al traffico nel tratto in cui il fumo denso e nero impediva agli automobilisti di vedere a pochi metri.
La macchina dei soccorsi è stata rapida. A cominciare dai vigili del fuoco: sono intervenute cinque squadre da Lamezia, Catanzaro e Vibo. Ma il fumo era così impenetrabile che hanno fatto ricorso alla termocamera che permette di individuare forme di vita laddove non si può arrivare, e di intervenire immediatamente. La videocamera non ha rilevato nulla e tutti hanno tirato un sospiro di sollievo.
Le operazioni di spegnimento sono state fin dall'inizio complicate. Bruciavano dei materiali combustibili, le fiamme sembravano indomabili. Da mezzogiorno all'inizio della serata i camiom rossi non hanno avuto tregua, anche se per dichiarare del tutto domato l'incendio ci vorrà oggi, trattandosi di cumuli di prodotti altamente infiammabili.
Ma alla Econet non sono rimasti con le mani in mano. Il lavoro è ripreso nel pomeriggio di ieri, a poche ore dall'incendio devastante. Con le grosse ruspe, pale meccaniche e camion i rifiuti sono stati trasferiti in un posto più sicuro, un deposito aziendale nella stessa area industriale. Perchè il lavoro deve continuare.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it | Vinicio Leonetti |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb