LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Mazzei: Crapis è un neofita, io un decano
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 2143 volte  
 
Lamezia Terme - «Crapis, neofita consigliere comunale alla prima esperienza, non riesce a vedere al di là del proprio naso». Continua così la polemica a distanza tra il capogruppo del Pdl al Comune Raffaele Mazzei e il consigliere di Sel Giandomenico Crapis sui rincari dei tributi locali (Irpef, Tarsu e acqua): per il centrosinistra la colpa è del governo centrale che taglia i fondi ai Comuni, per l'opposizione di centrodestra è tutta responsabilità della giunta Speranza.
Mazzei fa una premessa che riguarda l'ambiente: «Non ho potuto usufruire, insieme alla mia famiglia , né della spiaggia sporca né del mare lametino, come l'intera popolazione».
E continua: «Il sottoscritto , essendo decano in consiglio comunale, votato e per questo onorato di poter rappresentare la città, eletto nelle competizioni elettorali dal 2000 ad oggi, avendo quindi un'adeguata esperienza consiliare, invita il signor Crapis a smetterla di dare lezioni agli altri essendo la persona meno adeguata ad offrire un contributo attivo per la nostra città, visto che le uniche considerazioni che riesce a fare sono di natura esclusivamente personale che nulla hanno a che fare con il bene comune».
L'invito di Mazzei è questo: «Si concentri sull'azione amministrativa della giunta Speranza che ha prodotto l'aumento delle imposte comunali. Non occorre essere Bill Gates per visitare il sito del Comune e leggere le delibere di consiglio con cui il centrosinistra ha aumentato le imposte locali. Basta cliccare e così, come per incanto, il signor Crapis può mirabilmente verificare che è stato l'autore dell'aumento della pressione fiscale nella nostra città, con la collaborazione di tutto il centrosinistra a danno esclusivo della classe operaia».
Ancora il capogruppo del Popolo della libertà rivolto all'esponente di maggioranza: «Consigli al sindaco Speranza di eliminare le spese per dirigenti esterni ammontanti a 580 mila euro, e di impiegare l'avanzo d'amministrazione di 920 mila euro per le classi meno abbienti, poiché solo così avrà dato un contributo alla città».
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb