LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Palpa bimba mentre guarda un film 78enne napoletano ai domiciliari
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 1875 volte  
 
Lamezia Terme - Rimane agli arresti domiciliari D.R.G, il 78enne di Afragola, in provincia di Napoli, arrestato dai carabinieri con l'accusa di avere prima palpeggiato una bambina di appena 10 anni in un parco mentre guardava un film, poi si sarebbe lasciato andare ad atti osceni nel parco giochi di un villaggio turistico a Nocera Terinese. La decisione Ŕ del giudice delle indagini preliminari Carlo Fontanazza ieri mattina nel corso dell'interrogatorio di garanzia.
Il magistrato ha anche convalidato l'arresto dell'anziano tornato nella sua abitazione di Afragola dove resterÓ rinchiuso in attesa d'essere processato. ╚ accusato di violenza sessuale e atti osceni in luogo pubblico. I fatti per i quali l'uomo Ŕ stato arrestato si sono verificati giovedý sera a Nocera. La testimonianza che l'ha inchiodato Ŕ stata quella della bimba di 10 anni riuscita a sottrarsi alle attenzione del presunto pedofilo riuscendo a raggiungere i genitori a casa. Con l'aiuto psicologico del padre la bimba ha raccontare tutto facendo cosý scattare l'allarme e l'intervento dei militari che immediatamente sono riusciti ad individuare l'anziano immediatamente trasferito nell'auto di servizio dei carabinieri per sottrarlo alla furia della gente che nel frattempo si era concentrata nella zona dov'era stato rintracciato.
Con tempestivitÓ gli investigatori del nucleo operativo sono riusciti a ricostruire, sentendo alcune testimonianze, la dinamica di quanto s'era verificato. Sulla base delle testimonianze i militari hanno stabilito che intono alle 22 l'uomo, dopo aver puntato una bambina seduta da sola a vedere il film all'aperto nel villaggio turistico, si Ŕ avvicinato sedendosi al suo fianco e cominciando a palpeggiarla in alcune parti del corpo. La piccola Ŕ riuscita a svincolarsi dalla presa ed a fuggire nella vicina abitazione dei familiari dove il padre si Ŕ fatto raccontare l'accaduto.
Nel frattempo l'anziano era andato a sedersi su una panchina del parco, a quell'ora frequentato da molti bambini. Un testimone lo avrebbe notato compiere atti osceni. Dopo la chiamata al 112 e l'arresto dei carabinieri.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla CittÓ
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb