LameziaWeb
   
 
 
 
 Login
Richiedi la tua e-mail personale!
tuonome@lameziaweb.biz
 
Alloggi assegnati agli zingari respinti i ricorsi dei residenti
  Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 1986 volte  
 
Lamezia Terme - Tutto legittimo. L'assegnazione delle case popolari ai rom sfollati da Scordovillo non fa una grinza per il Tribunale amministrativo regionale di Catanzaro. A cui si sono rivolti dieci residenti di San Pietro Lametino per arginare la calata degli zingari nel loro quartiere.
Era il 10 maggio scorso quando i residenti di San Pietro Lametino, la frazione più a Sud della città, hanno protestato davanti ai cancelli delle case popolari dove stavano per arrivare due famiglie rom, sei persone in tutto, bambini inclusi. Erano gli assegnatari degli alloggi popolari colpiti dalla sindrome "nimby": mandateli dove volete, ma non vicino casa nostra.
A mandarli era stato il Comune con decreti ad hoc firmati dalla dirigente del settore politiche sociali Teresa Bambara. «Se li porti vicino casa sua la dirigente», dicevano molte delle persone che hanno messo in scena un sit-in durato qualche ora. Quando già i furgoni degli zingari, pochi mobili poveri ammassati l'uno sull'altro, erano arrivati davanti al cancello trovandolo chiuso. Anzi occupato dagli abitanti del posto.
L'iniziativa municipale è stata forzata. C'è un decreto di sgombero di Scordovillo firmato dal procuratore della Repubblica Salvatore Vitello e dal sostituto Domenico Galletta. Per i magistrati il campo rom è malsano, inquinato, e ad alta densità criminale. Si trova nel cuore della città ed è una bomba sociale innescata quotidianamente. Una situazione che conosce bene ogni lametino, ma sulla quale finora era stato fatto ben poco. Tanto che da quarant'anni Scordovillo è lì e cresce a dismisura. Fino a diventare una "città proibita" di oltre 500 abitanti, tutti cittadini lametini registrati all'anagrafe. Che votano.
Il Tar presieduto da Giuseppe Romeo, con relatore Daniele Burzichelli, è stato chiarissimo. «I provvedimenti impugnati, a differenza di quanto sembra riteere il ricorrente, non dispongono l'approvazione di un progetto per villaggio nomadi, ma semplicemente l'assegnazione di quattro alloggi Aterp a distinti nuclei familiari». Solo due di questi sono stati trasferiti. Sempre il giudice amministrativo sottolinea che gli immobili sono stati resi abitabili dai lavori eseguiti dall'Aterp. Da qui il rigetto del ricorso presentato da dieci cittadini patrocinati dagli avvocati Bernardo e Lelio Marasco. A rappresentare il Comune è stato l'avvocato Alessandra Belvedere, capo dell'ufficio legale municipale.
 
Allegati: Nessun allegato presente
 
Autore: Gazzettadelsud.it |Archivio Notizie dalla Città
 
 
© 2001 www.lameziaweb.biz |Terms of use |Privacy Policy |Scrivi alla Redazione |Segnala un errore |Studio Grafico Fradaweb